Blog: http://fioredicampo.ilcannocchiale.it

Sono fortunata


Sono fortunata.

Ho ricordi indelebili di momenti magici vissuti nella mia infanzia quando io, piccola bambina di città, passavo qualche giorno in campagna dai nonni.
Ho viaggiato sul carro di legno tirato dai buoi per gli sconnessi sentieri di campagna, rimbalzando sulle buche fino a farmi salire lo stomaco in gola.
Sono andata alla fonte con mia piccola "mezzina" di rame a prendere l'acqua che non c'era in casa.
Ho camminato scalza sulle stoppie fino a sbucciarmi i piedi.
Ho salito le scale tenendo in mano la mia piccola candela perché non c'era elettricità.
Ho dormito nella cameretta dedicata a me con le rose rosse dipinte col rullo sulle pareti bianche.
Mi sono lavata in camera con l'acqua fredda della bella brocca decorata.
Ho bevuto il latte caldo di mucca ed ho visto nascere un vitellino.
Ho ascoltato le fiabe del nonno seduta sulla panca proprio dentro l'enorme camino acceso.
Ho indossato lunghe collane di ceci colorati con la carta crespa.
Ho fatto parrucche bionde per le bambole con i pennacchi del granturco.
Ho visto la nonna fare il bucato bollendo le lenzuola con la cenere in un
enorme pentolone e tirarle fuori così bianche come nessun dash riesce a fare.
Se chiudo gli occhi mi sembra di rivivere quei tempi in cui il sole era più luminoso e l'aria più pulita; quando le persone si parlavano invece di mandarsi messaggini; quando eravamo più poveri fuori ma più ricchi dentro.
Altri tempi.
Io ho avuto la fortuna di conoscerli e di poterli raccontare ai miei figli.


Pubblicato il 30/4/2016 alle 18.16 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web